LA CARRESE


A San Martino in Pensilis si racconta che i resti di San Leo, giungendo nel Molise in maniera miracolosa verso la fine del XIII secolo, fossero contesi da diverse comunitÓ.
Per dirimere la controversia, si stabilý di porre le reliquie del Santo su un carro trainato da una coppia di buoi e lasciare che fosse il Santo a scegliere dove fermarsi.
I buoi corsero a lungo e finalmente giunsero a San Martino, percorsero d'un fiato la via Marina e si fermarono davanti alla chiesa di Santa Maria tra lo stupore della folla.
Da quei tempi remoti, ogni anno, il 30 aprile, si rinnova il rito della corsa dei carri trainati dai buoi.
I partecipanti, divisi nella fazioni dei "giovani" e dei "giovanotti", partendo dal tratturo, in un percorso esterno al paese, e poi nelle strade interne, si cimentano in una spettacolare gara tra l'eccitazione e il clamore della folla.
Al carro dei vincitori spetta l'onore di trasportare la statua di San Leo in processione.
La manifestazione Ŕ profondalmente radicata nella popolazione e nonostante lo scorrere del tempo, mantiene intatto il suo fascino.
Quella di San Martino Ŕ la carrese pi¨ lunga, motivo per cui durante la gara si possono sostituire i buoi.

Edizioni ITALIA TURISTICA s.a.s.
35124 Padova - Via C. Anti, 9
Tel.(049) 80.111.80 r.a.
Fax.(049) 80.111.82
e mail:italiaturistica@fromitaly.it